Passa ai contenuti principali

"I figli del mastro vetraio" di Maria Gripe.



Vincitore del premio Andersen nel 1947, "I figli del mastro vetraio" è uno dei romanzi più conosciuti della letteratura per ragazzi del Nord Europa, con ambientazioni da fiabe remote, temi mitici e personaggi archetipici.
Alberto il mastro vetraio e Sofia sono i genitori amorevoli dei piccoli Pietro e Chiara. Alberto produce le ciotole e i vasi di vetro più belli della regione (ma purtroppo sono così poco pratici che nessuno li compra mai), mentre Sofia sostiene la famiglia lavorando nei campi. 
Come ogni anno Alberto va alla fiera del Paese per provare a far quadrare un poco il bilancio famigliare, altrimenti disastroso, e cercare di vendere i suoi splendidi vasi. 
Tra le bancarelle e i molti saltimbanchi Sofia e Alberto incontrano una maga buona, tessitrice di tappeti magici, che gli annuncia un futuro infausto: in quello stesso momento Pietro e Chiara, poco lontani, vengono rapiti dal Signore e dalla Signora di Tutti i Desideri, ricchi eleganti e misteriosi, che hanno tutto ciò che vogliono tranne una cosa: i bambini. 
Pieno di personaggi curiosi e indimenticabili come il corvo con un solo occhio che può vedere solo il lato positivo della vita, la strega che vive sotto un ciliegio e la mostruosa governante Nana, il cui canto penetrante può frantumare il vetro.
"I figli del mastro vetraio" intrattiene, emoziona ma fa anche riflettere su argomenti seri come il valore di avere un lavoro gratificante e la differenza tra ciò che desideri e ciò di cui hai bisogno.
Un romanzo da leggere e far leggere ai più piccoli in cui Maria Gripe riprende le fiabe e i miti nordici per raccontare una storia gotica e avventurosa con una sensibilità molto moderna.
E tutto ovviamente finirà bene, come in ogni fiaba.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Poldark", terza stagione.

Prima cosa....la terza stagione (9 episodi) di Poldark inizierà in Gran Bretagna l'11 Giugno. Il primo episodio della nuova stagione si preannuncia ricco di azione.
Ross e Demelza cercano di dimenticare il passato e ricostruire il loro matrimonio, ma i nuovi arrivi minacciano la loro riconciliazione fragile.
Sotto trovate i primi due trailer della serie...questa estate tutti in Cornovaglia.

La quarta stagione di Poldark è prevista per il 2018.







































"Miss Fisher" è tornata finalmente con la terza stagione.

Miss Fisher è tornata finalmente.  In Australia stanno andando in onda le puntate della terza stagione di Miss Fisher's Murder Mysteries, serie basata sui romanzi di Kerry Greenwood. Per chi non conoscesse la serie .... ci troviamo a Melbourne, sul finire degli anni '20, l'affascinante nobildonna Phryne Fisher arriva a sconvolgere la vita della città e a collaborare con la polizia locale, come detective privata, alle indagini su misteriosi omicidi. Le prime due stagioni sono state trasmesse anche qui in Italia su Rai1. La terza stagione è iniziata in modo scoppiettante, abbiamo ritrovato i vecchi personaggi, ma abbiamo conosciuto anche il padre di Phryne che si è presentato a casa della figlia...ma questa convivenza non porterà nulla di buono. Abbiamo ritrovato anche l' ispettore Jack Robinson, Phryne ama stuzzicarlo e non si può negare che i loro momenti insieme sono comicissimi.

"Mia cugina Rachele" di Daphne Du Maurier.

La seduzione, l’amore avventato e il sospetto diventano i protagonisti di "Mia cugina Rachele", in un crescendo d’inquietudine di cui Daphne du Maurier è maestra indiscussa. Esce (21 Settembre) in questa nuova edizione edita da Neri Pozza in attesa del film che uscirà a Novembre. Cornovaglia, metà Ottocento. Philip Ashley è convinto di avere molti validi motivi per odiare Rachele, vedova dell’amato cugino Ambrose, venuto a mancare in circostanze poco chiare. Quando la bellissima e misteriosa Rachele lo raggiunge in Cornovaglia, tuttavia, Philip si scopre incapace di resistere al suo conturbante fascino. Ma chi è davvero Rachele? Una donna innamorata o un’arrampicatrice sociale che cerca soltanto di impadronirsi della sua ricchezza, come ha già fatto con il defunto marito?