La Scomparsa di Patò tratto dal romanzo di Andrea Camilleri al cinema dal 24 febbraio.

Io di solito non amo i film italiani, però le eccezioni ci sono sempre.
Uscirà venerdì 24 febbraio il film La Scomparsa di Patò diretto da Rocco Mortelliti,  tratto dal romanzo di Andrea Camilleri.
La sceneggiatura è stata scritta da Andrea Camilleri, da Rocco Mortelliti e da  Maurizio Nichetti.
Il cast è veramente interessante, infatti troviamo nel film Nino Frassica, Maurizio Casagrande e Neri Marcorè.
Se non avete letto il romanzo ecco la sinossi del film.
"La scomparsa di Patò è ambientata nella Vigata del 1890.
E' il Venerdì Santo, nella piazza del paese viene messo in scena il "Mortorio" ossia la Passione di Cristo, nella quale l’integerrimo e irreprensibile ragioniere di banca Antonio Patò (Neri Marcorè), interpreta la parte di Giuda.
La rappresentazione giunge all'acme con l'impiccagione di Giuda-Patò che, accompagnato dagli improperi degli spettatori, cade in una apposita botola. Ma alla fine della spettacolo Patò sembra scomparso. Nel suo camerino non si trovano né i suoi abiti né il costume di scena. Tutto può essere successo, ogni ipotesi è valida.
La soluzione la cercano insieme il delegato  Ernesto Bellavia (Maurizio Casagrande)  e il Maresciallo  Paolo Giummaro (Nino Frassica), che prima entrano in competizione e si ostacolano nelle indagini e poi diventano amici arrivano finalmente a ricostruire quello che è successo."
Sotto trovate il trailer:



P.S. Giovedì ci sarà un'altro appuntamento per tutti i fan del Commissario Montalbano, ne parlerò. 

Commenti

Dany Eppursimuove ha detto…
Ciao Sara..buona giornata!..

Non ho letto questo romanzo ma Camilleri mi piace e sono un fan (la parola ci sta tutta!) di Montalbano
Guarderò il film…non foss’altro per il cast…adoro Marcorè e trovo Frassica un bravissimo attore…una delle migliori scoperte di Arbore che è stato capace di maturare artisticamente

Mi fa piacere che tu dia spazio anche ai film italiani...sono diversi nel linguaggio e anche nella tecnica dai film italiani ma trovo che a volte, noi siamo superiori nelle storie, nel modo di raccontarle..
vedremo se questo film rientra tra quelli che ci distinguono
Sara ha detto…
Anche io sono una fan di Camilleri, vedrò questo e vedrò anche il giovane Montalbano giovedì
"Il principio di ogni arte è l'amore; valore e dimensione di ogni arte vengono soprattutto determinati dalle capacità d'amore dell'artista."
Hermann Hesse