Matt Smit saluta i tanti fan di "Doctor Who" con un messaggio speciale.


Qualche settimana fa la BBC ha annunciato ufficialmente che Matt Smith lascerà la serie tv britannica "Doctor Who", quindi dal 2014 ci sarà un nuovo Doctor. 
L’attore ha interpretato l'undicesimo Dottore dal 2010, e lascerà alla fine di quest’anno dopo lo speciale  per  il 50esimo anniversario (23 novembre) e lo speciale natalizio. 
L’attore in un comunicato spiegava così la sua scelta: 
"Doctor Who è stata l’esperienza migliore che abbia mai avuto come attore, e questo in gran parte grazie al cast, alla troupe e ai fan della serie. Sono incredibilmente grato al cast e alla troupe che lavorano instancabilmente ogni giorno per realizzare tutti gli elementi che compongono questo show e portare sullo schermo per il pubblico Doctor Who. Molti di loro sono diventati buoni amici e sono molto orgoglioso di quello che siamo riusciti a fare negli ultimi quattro anni. Avere lo showrunner Steven Moffat al lavoro su sceneggiature così variegate, divertenti e intelligenti è stata una delle opportunità più grandi e soddisfacenti della mia carriera. E’ stato un privilegio lavorare con lui, è un buon amico e continuerà a dare forma a uno splendido mondo per il Doctor. I fan del Doctor Who in tutto il mondo sono diversi da tutti gli altri; si vestono, gridano, conoscono la storia della serie (e speculano sul suo futuro) più di tutti e in un modo che non ho mai visto prima, la vostra dedizione è davvero notevole. Grazie mille per aver sostenuto la mia incarnazione del Doctor Who, la numero Undici, che vorrei aggiungere che non è ancora finita: tornerò per il 50esimo anniversario e lo speciale natalizio! E’ stato un onore interpretare questo ruolo, seguire la strada di attori brillanti e guidare il TARDIS. Grazie a tutti, Matt"
Oggi è stato pubblicato dalla BBC il video di Matt Smit che saluta i tanti fan con un messaggio particolare che trovate QUI.

Commenti

"Il principio di ogni arte è l'amore; valore e dimensione di ogni arte vengono soprattutto determinati dalle capacità d'amore dell'artista."
Hermann Hesse